Viva Mastodon! Il social network libero, decentrato e adattabile

Social network = gioie e dolori. Oramai é evidente a chiunque che i social network sono diventati degli strumenti sempre più odiosi. Devi starci perché sennò ti tagli fuori dal mondo, si; e devi starci anche perché oramai tutte le comunicazioni passano da lì; però si tratta oramai di una vetrina mediatica a cui devi prestare grandissima attenzione. Fare un post sbagliato o toccare certi argomenti sensibili può portarti a passare ore ed ore a battagliare con persone che magari nemmeno conosci. Per non parlare delle ripercussioni che il tuo profilo social può causare sul tuo lavoro, del tracciamento dati da parte di Facebook ecc.

1.Un’idea semplificata del mondo

Che lo si voglia o meno i social network sono oramai parte della tua vita. Anche se li frequenti pochissimo o se non hai nemmeno un account, sei perfettamente cosciente del fatto che sui social si forma una fetta importantissima del pensiero dominante.

Questo però comporta diversi problemi.

Uno di questi é che i social network (da qui in poi SN) sono strutturati in modo tale da premiare i contenuti più spettacolari e rumorosi. E’esperienza comune il fatto che i SN non sono l’ambiente migliore in cui fare ragionamenti pacati e costruttivi: basta l’intervento di un paio di disturbatori (coloro che fanno rumore) per mandare in vacca ogni discorso serio.

Qui il problema consiste nel fatto che tutti i commenti ricevono egual peso: non importa che tu sia una persona esperta in una determinata cosa ed abbia scritto un post preciso e corretto se a commentarlo negativamente arriva qualcuno che dell’argomento non sa niente ma quel che scrive fa più colpo ed ottiene più likes.

La struttura dei SN insegna ai propri utenti ad esprimersi con un linguaggio più simile a quello pubblicitario che ad instaurare un normale dialogo umano. Per funzionare i Post devono essere brevi e contenere pochi concetti netti ma d’impatto.

SEGUIAMO IL FILO:

(1) L’opinione pubblica si forma sui SN. (2) I SN son strutturati in modo da premiare contenuti semplificati (3). Il mondo in cui viviamo é assai complesso. (4) I SN formano un’opinione pubblica con un’idea semplificata del mondo.

2. Luoghi del non-dialogo?

Blastatore

Persone diverse possono avere usare i SN in modi molto diversi, ma devono per forza muoversi all’interno delle regole del SN e della sua struttura.

Questo significa che nel dialogare su un certo argomento la struttura dei SN darà al commento dell’utente ignorante ed al commento dell’utente litigioso lo stesso peso del commento dell’esperto calmo.

Questa cosa rende nei fatti impossibile portare avanti qualunque tipo di dialogo importante: bastano uno o due commenti infuocati per trasformare ogni tuo discorso in litigio e farti passare la voglia di intervenire perché non hai né tempo né voglia di impelagarti in battaglie fatte a colpi di battute, frecciate ed insulti.

Il fatto che i SN siano luogo di non dialogo fa sì che un Post, per essere davvero di successo, oltre ad avere contenuti semplificati, deve essere anche anti-dialogo.

Cosa significa? Significa che avrai più likes con un Post indignato tipo “Ma questi sono dei farabutti che andrebbero gettati in galera a marcire” che con un Post del tipo “Si, hanno sbagliato e bisognerà correre ai ripari, ma credo che gettarli in galera sarebbe un errore”. Questo perché il primo é un post anti-dialogo, é come un pugno che tappa la bocca a chiunque volesse rispondere: o sei d’accordo e applaudi o taci, altrimenti si litiga. Il secondo Post invece é un invito a sedersi e ragionare.

Per permettere dei dialoghi civili, dunque, i SN sono dovuti correre ai ripari. In particolare Facebook, con la creazione dei “gruppi”, permette a degli utenti amministratori di selezionare persone specifiche con cui intrattenere dialoghi su certi argomenti.

I SN dunque ti portano a queste soluzioni: (1) litigare (2) startene zitto (3) formare dei gruppi più o meno chiusi.

3. E’tutto un gioco

Personaggio e le sue caratteristiche

Probabilmente il termine gamification suonerà nuovo a molti. Si tratta però di un concetto con cui abbiamo sempre più a che fare, ossia la trasformazione di tantissimi aspetti della nostra vita in una specie di eterno gioco (Game) che coinvolge premi, punteggi, ricompense virtuali, livelli di difficoltà.

In pratica si tratta di meccanismi che ti portano a fare delle cose per ottenere dei “premi” virtuali.

La gamification é quella cosa che ti fa fare la tessera punti di un negozio regalandogli moltissime informazioni su di te in cambio di qualche sconticino. E’quella cosa che ti fa scrivere un commento in cambio di qualche like o stellina.

La gamification é quella cosa che ti obbliga a descriverti sui social mostrando la tua personalità e le tue caratteristiche così come il personaggio di un videogioco: cosa ti piace, chi frequenti, dove vivi, dove lavori, rendendo la tua utenza su Facebook indistinguibile dalla pagina che descrive un personaggio dei Sims.

I SN sono il luogo ideale per la gamification: se fai un Post abbastanza semplificato ed anti-dialogo il SN ti premierà con tanti likes, stelline o punti.

Perché quando scrivi un post su un SN non stai dialogando con nessuno: stai facendo a gara. Stai vendendo la tua opinione in cambio di un riconoscimento virtuale.

4. Minimo comun denominatore

Applaudire o far battaglia

Il gioco a chi scrive il Post di maggior successo si può vincere in un solo modo: dare alla gente quello che di sicuro piace alla maggior parte delle persone, ossia spettacolo e rumore.

Non si vince proponendo cose veramente nuove (le avanguardie culturali vivono ai margini dei SN): si vince proponendo rivisitazioni inedite di spettacoli e rumori già visti.

Spettacolo e rumore che però devono essere al tempo stesso semplificati ed anti-dialogo.

Insomma: i SN sono il luogo ideale per far girare roba tipo Striscia la notizia, Le Iene, i blast di questo o quel personaggio tipo Sgarbi, Grillo, Feltri o Mentana: se qualcuno pubblica un Post seguendo le regole che abbiamo appena visto, avendo un certo numero di followers ed una certa dose di fortuna potrebbe vederlo diventare un Post di successo.

Quel che bisogna davvero comprendere é che rumore e spettacolo semplificati ed anti-dialogo non possono mai aver a che fare con progresso e spinte in avanti. Perché tutto ciò che riguarda il progresso richiede dialogo e sforzo.

No, quando si ha a che fare con le battutine acide, il buttare tutto in facile ironia, il blastare un dialogo interrompendolo e tutta quella roba lì, siamo SEMPRE di fronte ad un qualcosa che frena il progresso, che porta indietro, che preferisce confermare ciò in cui crede che metterlo in dubbio e guardare avanti; che preferisce l’illogico al logico, la panza alla testa.

La panza. E’questo il minimo comun denominatore che accontenta sempre tutti. Gli istinti primari e la paura.

C’é una persona che dice che il mondo é rotondo e per spiegarcelo fa tutta una serie di ragionamenti e calcoli difficili? “Hahahahaha! Ma che idiota! “Ma se il mondo fosse tondo gli australiani dovrebbero cadere verso il cielo!” Tié! Blastato e affondato. Cinquecento likes. E chi credeva che il mondo fosse piatto godrà della conferma di quel che crede.

5. Rendere i Social dei luoghi veramente social

Per poter dialogare in maniera costruttiva sui SN abbiamo già visto che la prima cosa da fare é metter da parte gli utenti che minano la bontà del dialogo.

NO ANTIDIALOGO: Tenere fuori dal dialogo tutti coloro che minano a distruggere il dialogo stesso: provocatori, disturbatori e troll.

NO FALSA PREPARAZIONE: Allo stesso modo va limitata la possibilità di intervento di quelle persone che pur non conoscendo gli argomenti in questione vogliono aver lo stesso peso di chi invece ne sa.

La seconda cosa da fare invece é più complessa. Si tratta di ridurre il più possibile quelle caratteristiche strutturali dei SN che rovinano la natura stessa del discutere.

NO VOTI/PREMI: Un primo esempio riguarda l’eliminazione dei voti (likes, mi piace, stelline, contatore condivisioni, cuoricini…). Se togli i voti dal SN, riduci drasticamente il meccanismo di gioco ad inseguire il minimo comun denominatore.

NO TESTI RISTRETTI: Alcuni SN come Twitter permettono di scrivere solo messaggi molto brevi in cui é impossibile esprimere pensieri complessi. Questo non é necessariamente un male, a patto che esista la possibilità di aggirarla qualora il limite fosse troppo castrante (su Twitter, ad esempio, si possono concatenare diversi tweet uno dopo l’altro)

La terza cosa consiste nel mantenere la vita reale il più possibile separata da quella virtuale.

SI ANONIMATO: Nella vita reale non hai un cartellino con scritto chi sei, i tuoi gusti, chi sono i tuoi amici ed i luoghi che frequenti. Il bello dei social é poter discutere liberamente senza le maschere che indossi nella vita reale. La posizione SI ANONIMATO, assieme alla posizione NO ANTIDIALOGO si rivela una risorsa preziosissima per ogni forma di progresso. Permettere ad uno stesso utente di avere diverse identità, frequentare gruppi diversi ed immedesimarsi nell’altro é una delle più grandi e preziose libertà che Internet permette

Per finire, la quarta cosa riguarda il pericolo dei SN trattati come fonte a sé stante.

NO SOCIAL AUTARCHICI: I SN, per loro stessa natura, tendono a far sì che l’utente si autoconfini nel SN. Un dialogo nato su un SN tendenzialmente si sviluppa e muore sullo stesso SN. Ma un SN, per permettere un dialogo sano, ha bisogno di una maggior interazione tra ambienti di dialogo differenziati. Pensiamo ad esempio ad un dialogo nato su un Forum, che ad un certo punto prosegue su un SN dove prende una piega diversa generando così due discorsi paralleli in due ambienti diversi ed infine confluiscano entrambi in un post su un secondo SN che a sua volta genererà un terzo discorso.

Insomma: i SN funzionano al loro meglio se non dimenticano la loro funzione di ponte tra luoghi di discussione diversi. Quest’ultimo punto però richiede un tipo di attenzione da parte degli utenti, più che soluzioni tecniche da parte del SN in sé.

6. Chi decide cosa e perché?

Chi possiede il Social possiede la tua identità

A questo punto bisogna affrontare una serie di problemi al tempo stesso tecnici ed etici: di chi é il SN in cui interagisci con altre persone? Chi é che decide quali sono le sue regole? Con che criteri?

Nella stragrande maggioranza dei casi quando si pensa ad un SN si pensa a Facebook o Twitter o Instagram: piattaforme commerciali che appartengono ad aziende che guadagnano proprio da questi social.

Va da sé che queste aziende commerciali decidono le loro regole che ne massimizzano potere e guadagni.

A Twitter, Facebook etc. importa innanzitutto che i suoi utenti scrivano ed interagiscano molto; interessa riuscire a profilarti, ossia sapere piò cose possibile su di te per vendere queste informazioni ad altre aziende commerciali.

Per esempio: il fatto che nella tua zona tante persone diverse hanno scritto post contro l’amministrazione comunale, é un’informazione vendibile a qualcuno che potrebbe cavalcare quest’onda e gettare benzina sul fuoco per dare l’illusione che l’amministrazione comunale sia ancor peggiore di quanto non sia in realtà.

A Facebook non importa niente della qualità etica di ciò che uno scrive. A Facebook non fa né caldo né freddo se sul suo SN c’é un gruppo di nazisti che si batte per ridurre i diritti civili degli stranieri e dire che la terra e piatta. Non gli importa niente e non li bloccherà finché continueranno a scrivere roba, interagire con altri ed a fornire informazioni per profilarli. Basta giusto-giusto che non scrivano cose illegali.

Ma a Facebook sanno benissimo che questo loro menefreghismo alla lunga può infastidirti e quindi, per difenderti dalla sua mancanza di posizione, ti offre la possibilità di creare un gruppo chiuso. In questo modo tu ed i tuoi amici limiterete i contatti con i nazi-terrapiattisti e viceversa. Ma non limiterai Facebook. Facebook continuerà a sapere tutto sia di ognuno di voi che dei nazi-terrapiattisti.

Il gruppo chiuso, insomma, é un contentino che Facebook concede ai propri utenti: convincendoti che devi difenderti dagli altri utenti ti fa dimenticare che dovresti innanzitutto difenderti da Facebook stesso!

7. I rischi

Poche mega-aziende che detengono il controllo dei maggiori SN rappresentano un grosso pericolo sociale. Oltre a quanto già visto riguardo il tipo di comunicazione che i SN diffondono, un colosso come Facebook é in grado di pilotare i contenuti che vediamo in modo da indirizzare il nostro sentimento politico.

Inoltre Facebook potrebbe rivelarsi uno strumento pericolosissimo in paesi con un governo dittatoriale o semi-dittatoriale. Come ti comportesti se salisse al potere un partito che imponesse a Facebook di rivelare i nomi di tutti coloro che lo hanno criticato (tra cui ci sei pure tu) e ciò comportasse perdita di sussidi, assegni familiari, diritti ecc?

8. Riprendersi i Social Network

Sono tanti, i motivi per voler dei SN diversi. Ma che siano diversi per davvero. Serve dunque un’idea nuova che permetta da un lato di riprenderne il controllo ma al tempo stesso farlo in maniera semplice, che non richieda chissà che razza di sforzi e complicazioni.

Da qui l’idea di una rete sociale decentrata, cioè non basata su di un unica, enorme centrale di controllo, ma di tante piccole realtà separate, ognuna con le proprie regole ma che dialogano fra loro.

A questo punto di solito si danno un po di informazioni tecniche, ma qui ci interessa relativamente. Basterà sapere che l’idea di servizi internet decentrati non é particolarmente nuova ma negli ultimi anni, essendo sempre più evidenti i pericoli di servizi troppo centralizzati, si sta diffondendo sempre più: social network decentralizzati, servizi di video streaming, motori di ricerca, monete virtuali. Inoltre si tratta di servizi realizzati soprattutto con software libero ossia privo di un proprietario, liberamente controllabili, verificabili e modificabili da chiunque e per questo tendenzialmente molto più sicuri di software non libero.

Tra i diversi SN decentrati oggi disponibili, quello sicuramente più interessante é Mastodon.

9. Mastodon

 

Vedi su PEERTUBE

Cos’é e come funziona Mastodon? Innanzitutto lo si può descrivere come un SN strutturato in maniera simile a Twitter, fatto da utenti slegati dall’identità reale e messaggi (chiamati “Toot”) lunghi al massimo 500 caratteri.

La prima cosa che spiazza quando vuoi creare un account Mastodon sul suo sito principale, Joinmastodon.org é che non lo puoi creare così, genericamente su Mastodon: in realtà devi subito scegliere a quale Istanza Mastodon iscriverti.

Qui può essere utile l’immagine dei circoli privati o club: pensa a Mastodon come una tessera che ti permetta di entrare in un’enorme numero di circoli privati e club. Questa tessera però viene rilasciata singolarmente dai singoli club. O meglio: ognuno di questi circoli privati rilascia la propria tessera Mastodon e questa ti permetterà non solo di entrare nel circolo in cui ti sei iscritto, ma anche di entrare in contatto con gli altri circoli e club associati.

Ognuno di questi circoli o club é chiamato Istanza. Nei fatti é un server gestito da volontari o cooperative, centri sociali e volendo anche da aziende (il che può sembrare una contraddizione con quanto detto sopra ma vedremo sotto che non é così).

Iscriversi ad un’Istanza NON é un matrimonio indissolubile: é abbastanza comune iscriversi ad un’Istanza e dopo un po decidere che ci si trova meglio su un’altra Istanza.

Una volta registrati, si può accedere attraverso l’interfaccia web della propria Istanza oppure da smartphone attraverso applicazioni client. Ce ne sono diverse, disponibili sia per Android che iOS. Non esiste un’App “ufficiale” di Mastodon.

9.1 Diverse Istanze, diverse regole.

Cosa cambia tra un’Istanza e un’altra? Beh, può cambiare molto. Come già detto un’Istanza é nei fatti un server ossia un computer sempre attivo, gestito da delle persone che dedicano il proprio tempo perché funzioni tutto correttamente ed amministrarlo.

Ogni Istanza ha dunque le sue regole ed i suoi amministratori. Per esempio tu potresti scegliere un’Istanza che si trova in Italia e che banna al suo interno qualsiasi contenuto fascista, razzista, omofobo e commerciale. Oppure potresti preferire un’Istanza che si trova fisicamente in America che filtra tutti i contenuti pornografici e fascisti ma che permette di avere utenti commerciali. Oppure ancora potresti preferire un’Istanza canadese i cui utenti sono principalmente programmatori con la passione per la fantascienza ma che in realtà non filtra alcun tipo di contenuto. Anche qui può essere utile l’esempio dei circoli privati o club.

I motivi che possono farti preferire questa o quell’istanza dipendono esclusivamente da te. Se sei un razzista che picchia i bambini potrai forse iscriverti ad una Istanza in cui si considera accettabile essere razzisti e picchiare i bambini ma i tuoi contenuti non appariranno mai agli utenti iscritti ad un’Istanza che ha come regola quella di bannare in toto quel genere di contenuti.

Una volta registrato, il tuo nome utente sarà più o meno simile ad una email: utente@istanza

9.2 Bida

Tra le varie Istanze disponibili la mia scelta é caduta su Bida. Qui (mastodon.bida.im) é possibile leggerne le caratteristiche dell’Istanza, le sue regole ed i princìpi a cui si attiene, chi lo amministra ecc. Tutto ciò che segue é basato sull’esperienza fatta su Bida (esperienza che risulta alquanto positiva anche a sentire altri utenti).

9.3 All’interno dell’Istanza: la Timeline locale

All’interno della tua Istanza puoi vedere i messaggi pubblici degli altri utenti dell’Istanza. Questi compaiono in ordine cronologico nella Timeline Locale. Ovviamente puoi interagire con loro e commentare i Toot. Puoi “stellina” un Toot (é tipo cliccare “mi piace” su Facebook). Ma solo l’autore del Toot saprà che l’hai fatto: in questo modo non si genera mai la gara ad “ottenere più like”. Puoi anche “boostare” il Toot di un altro utente (ciò equivale al “retweet” su Twitter o alla “condivisione” su Facebook) e pure qui non v’é alcun contatore pubblico che dica quante volte un Toot é stato boostato. Lo saprà solo l’autore del Toot. Detto questo il funzionamento non é molto diverso da Twitter e quindi chi già ha esperienza su Twitter non avrà bisogno di grandi spiegazioni. In caso di problemi o dubbi é facilissimo entrare in contatto con gli admin: é uno dei pregi dei circuiti locali che nessuna megastruttura come Facebook avrà mai.

9.4 Relazioni tra Istanze: la Timeline federata

Qui le cose iniziano ad essere molto diverse dagli altri SN e bisogna spendere qualche parola per capire i concetti base della relazione tra istanze e tra utenti di diverse istanze. Per far questo riprendiamo l’esempio dei club privati. Se tu sei iscritto ad un circolo privato e lo frequenti sei a conoscenza delle persone che lo frequentano e dei loro discorsi. Questo é ciò che abbiamo già visto riguardo la Timeline Locale.

Il circolo, però, a meno che non sia del tutto chiuso ai contatti esterni (si é possibile: un Istanza può anche essere del tutto chiusa ai contatti esterni, se vuole), é frequentato anche da amici dei soci provenienti da altre Istanze.

In sostanza, un utente dell’Istanza “Bida” può seguire un’utente di un’altra Istanza “xyz” (qui “seguire” é ciò che Facebook definisce “amicizia”) e quando ciò avviene, tutti gli utenti di Bida vedranno i messaggi pubblici di questo utente di “xyz” sulla Timeline federata della tua Istanza.

La Timeline federata insomma, mostra i messaggi pubblici sia degli utenti della tua Istanza che quelli degli “amici” dei membri dell’Istanza.

Tornando all’esempio dei circoli privati: per poter essere presente nel circolo o devi iscrivertici o devi conoscere qualcuno che é già iscritto. In sostanza si tratta di un meccanismo che ricalca quelli che sono le relazioni nella vita reale: se entro in un circolo/bar/pub posso conoscere le persone del che lo frequentano così come i loro amici, ma non posso conoscere i frequentatori di un altro circolo che sta in un’altra città se non vi entro e se non conosco nessuno dei suoi frequentatori.

Quando si cercano utenti, hashtag o Istanze dal modulo di ricerca della propria Istanza, i risultati che verranno dati riguarderanno sempre e solo utenti, hashtag o Istanze con cui la propria Istanza é già entrata in contatto.

Per intenderci: se sull’Istanza Bida cerchi l’hashtag #startrek e non venisse trovato niente, questo non significa che sull’intera rete di Mastodon non c’é nessuno che parla di #startrek: significa solo che l’Istanza Bida non é in contatto con nessuno che parli di quell’argomento. Potrebbe ad esempio esserci un’intera istanza di appassionati di Star Trek con cui però nessuno di Bida é mai entrato in contatto.

9.5 Amici degli amici e gente che non si conosce ancora.

Quando un’utente di un’altra istanza compare sulla Timeline federata si tratta pur sempre di un’utente che “risiede altrove” e conoscere lui non significa conoscere i suoi amici.

Torniamo ancora all’esempio dei circoli privati: sulla tua Istanza c’é Tizio che é amico di Dracula, un utente iscritto su una istanza di vampiri transilvani. Nella tua Istanza nessuno ha alcun contatto con nessun altro vampiro transilvano, perciò anche se sai che Dracula ha 500 amici all’interno della sua Istanza, se clicchi sul suo profilo vedrai solo il nome dei suoi amici sulla tua Istanza.

Per conoscere gli altri suoi amici sull’Istanza transilvana o lui li presenta (ad esempio condividendo i loro messaggi) o tu puoi iscriverti sull’istanza transilvana e farti direttamente un giro da quelle parti per conoscerli.

In questo modo, registrandoti su una seconda Istanza, avrai due diversi account Mastodon. Magari poi va a finire che preferirai usare come tua “base regolare” l’Istanza vampiresca ed invitare lì solo alcuni degli utenti dell’Istanza che frequentavi prima.

A questo punto verrebbe da chiedersi come può esser possibile entrare in contatto con utenti registrati su un’Istanza sconosciuta. Torniamo nuovamente all’esempio di #startrek paragonando la situazione a ciò che avviene nella vita reale: se nei giri dei tuoi conoscenti non c’é nessuno-nessuno-nessuno che s’interessa ad una certa cosa, com’é possibile che invece TU te ne interessi? La risposta é che l’unico modo é uscendo al di fuori dei tuoi giri.

In sostanza, le tue frequentazioni indipendenti (siti, blog, forum), che poco o nulla hanno a che fare con le tue reti sociali, possono portarti a conoscere altre reti sociali che, se non fosse stato per il tuo uscirne, non sarebbero mai entrate in contatto.

Nulla vieta che tu venga a sapere su un forum web di appassionati di Star Trek che alcuni di essi hanno aperto un’Istanza dedicata.

La tua Istanza di riferimento potrebbe essere in costante contatto con 20, 30 Istanze. La nuova Istanza di Star Trek che hai conosciuto al di fuori di Mastodon potrebbe essere invece in contatto con altre 15, 25 Istanze ed il tuo metterle in contatto non può che rafforzare la conoscenza reciproca dell’intera rete di Mastodon.

Qui non si può citare la teoria dei sei gradi di separazione, la quale fa presuppone che una rete di certe dimensioni permetterebbe già al suo interno di connettere ogni utente con qualsiasi altro utente.

9.6 Utenti e Istanze bannate o ammutolite

Se tra le regole fondamentali della tua Istanza c’é il ban totale di utenti razzisti e sessisti e la tua Istanza si accorgesse che l’utente Puffetta, registrata su un’Istanza di puffi, posta proprio contenuti razzisti, questa verrebbe bannata e tu non avresti più modo di seguirla. Non solo: se la tua Istanza si accorgesse che l’intera istanza dei puffi é un covo di utenti razzisti e fascisti, potrebbe bannare l’intera istanza in un colpo solo, impedendogli di entrare in contatto con te e gli altri utenti della tua Istanza.

Ci possono essere anche casi meno drastici. Per esempio, Bida non banna i contenuti commerciali presenti su altre istanze ma si limita a silenziarle sulla Timeline federata. Ciò significa che tu sei libero di seguire l’account di questa o quella azienda che posta solo pubblicità di magici prodotti per l’allargamento del pene, però questi post non compariranno mai nella Timeline federata di Bida visibile agli agli altri utenti dell’Istanza.

Nel primo caso insomma, si tratta di utenti che “se stai qui diamo per inteso che non li vuoi vedere nemmanco col binocolo”, mentre nel secondo caso si tratta di utenti  che “vabbé, é roba che a te può anche interessare ma non venirci ad intasarci la timeline con quella roba”.

Qui entra in gioco il rapporto di fiducia con gli amministratori dell’Istanza che ti sei scelto, il senso di comunità all’interno della stessa, la condivisione di regole e princìpi, il modo in cui gli amministratori prendono decisioni e le comunicano. Se per stare su Facebook puoi solo scegliere se accettarne o meno le regole, qui hai invece numerosissime possibilità che possono essere piò o meno restrittive e seguire logiche ed interessi diversissimi ed assai personali.

Non sei d’accordo con le policy della tua Istanza? Puoi sceglierne un’altra. Non ti piacciono le Istanze con regole troppo restrittive? Puoi iscriverti ad un’Istanza che non pone alcun filtro e vedere che succede ad aggiungere amici sia da un’Istanza nazista che da un’Istanza antifascista. Vorresti cambiare certe cose della tua Istanza? Se é gestita da un’associazione di cui fai parte puoi far cambiare alcune cose tramite votazioni interne. L’Istanza a cui sei registrato non é d’accordo con la tua apertura agli sciachimisti? Puoi cercare una Istanza che accoglie gli sciachimisti. Puoi anche scegliere di avere diversi account per tener separati i contatti o addirittura metter su un’Istanza tutta tua e decidere in totale indipendenza le tue regole. Puoi pure creare un’Istanza chiusa che non ha contatti con le altre Istanze. Insomma: le possibilità sono numerosissime.

9.7 il Fediverso

Cercando sempre di evitare il discorso tecnico, bisogna però far notare Mastodon usa delle tecnologie di comunicazione utilizzate anche da altri SN decentrati. Questo vuol dire che su Mastodon si può interagire con utenti di altri SN, alcuni dei quali possono interagire con ancora altri SN formando una rete assai complessa chiamata Fediverso (Federazione+Universo).

Per fare un esempio di fantasia é un po come se tu scrivessi un post su Facebook, ricevessi un commento scritto da Twitter e questo commento generasse una nuova discussione su Tumblr (che interagisce con Twitter ma non con Facebook).

9.8 Altre caratteristiche

Ci sarebbero poi tante altre caratteristiche specifiche da illustrare, come i diversi permessi di lettura dei post che invii (leggibili solo dagli utenti citati, oppure solo da chi ti segue, o da chiunque o da chiunque ma senza che questo sia pubblicato sulla timeline), oppure la possibilità di “mascherare” il tuo messaggio dietro una bandierina d’avvertimento o ancora le diverse funzioni dei client per smartphone. Tuttavia già quel che é stato descritto dovrebbe bastare per capire l’altissimo potenziale di Mastodon e del Fediverso.

10. Conclusioni

Per concludere non c’é che da aggiungere che al momento Mastodon sembra avere tutte le caratteristiche per diventare la vera alternativa ai SN commerciali grazie ad una struttura completamente differente, un approccio più personalizzabile ed umano ed un grandissimo mix di opzioni che permettono agli utenti di riprendere possesso delle proprie reti sociali, di proteggersi dalle interferenze comunicative organizzate e di rendere più costruttivi questi ambienti di comunicazione.

Annunci

Tag:

3 responses to “Viva Mastodon! Il social network libero, decentrato e adattabile”

  1. mcc43 says :

    Molto interessante. Purtroppo la ricerca di un’Istanza di proprio interesse è la parte difficile, se non si vuole perdere troppo del proprio tempo.
    Utile la ricerca di contatti esistenti in Twitter, purtroppo fra i miei Mastodon non ho trovato nessuno.

    • mcc43 says :

      correzione: Mastodon non HA trovato nessuno

    • Ca Gi says :

      Bisogna considerare che si tratta di un social ancora molto piccolo se paragonato a Facebook, Twitter ecc. Ma nonostante quantità di utenti, Istanze contenuti sia ancora contenuta, la struttura stessa di questo strumento ha delle potenzialità enormi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: