Archivio | Propaganda RSS for this section

I FATTI DI MALGA BALA: fiabe, sacrifici umani e demoni interiori di chi non distingue mito e storia

(O meglio: ecco come una storia strampalata senza prove, senza testimoni e senza coerenza viene spacciata per verità)

S4E2_AWNP_Nutty

[ATTENZIONE! Questo post contiene immagini particolarmente brutali e violente in linea con gli argomenti trattati]

1.00 PREMESSA – LA STORIA DELLA STORIA DI QUESTA STORIA

Pomeriggio.
Interno giorno.
Fuori piove.
Sto amichevolmente battibeccando per chat con “E”.
Argomento: seconda guerra mondiale; i partigiani.
Nodo del battibecco: “E” sostiene che i partigiani abbiano compiuto crimini peggiori e più numerosi di quelli compiuti dai fascisti.
Io no.
Con “E” capita a volte di scontrarmi su certi argomenti. La conclusione é quasi sempre la stessa: ognuno resta sulle sue posizioni, ci si beve una birra (ahimé non stavolta: i dialoghi via chat sono desolatamente analcolici) e con una sterzata di centottanta gradi si sposta il dialogo su argomenti maggiormente condivisi, che é un bel modo per dire che poi si parla di figa.

Ma una cosa che ha detto mi ha incuriosito e me la son segnata.
Planina Bala – Se la trovi leggiti la storia di Planina Bala
Un nome di cui non so nulla.

Continua a leggere…

L’invasione delle Ultrabufale

fakenews2

C’é una scena molto inquietante nel film Interstellar. In un futuro prossimo il protagonista, ex pilota NASA, si trova a dover discutere con gli insegnanti della figlia adolescente poiché quest’ultima contraddice (portando testi e foto) la sua insegnante di storia che, coerentemente col programma scolastico ed al libro di testo “ripulito dalla vecchia propaganda governativa”, sostiene che le missioni Apollo furano una montatura realizzata per portare l’Unione Sovietica al fallimento

Continua a leggere…

QUESTO governo non é stato votato dalla #ggente

propaganda

Se tre quarti dei media italiani ripetessero continuamente per mesi che “gli avvocati sono la causa dei mali dell’Italia” possiamo star certi che quest’idea s’intrufolerebbe trasversalmente nei pensieri e nei discorsi fatti tra il più micragnoso bar di provincia e le aule del Parlamento.

Alcuni esempi sono i vari “Invasione di clandestini”, “pericolo lavavetri”, “scandalo auto blu”, “attenzione alla propaganda gay”, “italiani brava gente”, “i terroristi tra noi”, “ridateci i nostri Marò”: basta che il concetto venga ripetuto di continuo, sia semplice e faccia appiglio su sentire comune e mancata conoscenza dell’argomento perché faccia breccia.

Ripetizione continua? Ipersemplificazione? Base pregiudiziale? Stimolo dell’indignazione? Piglio emotivo? Assenza di riferimenti verificati? Ma, oh, guarda, non é mica niente di nuovo: é la nostra solita, vecchia, cara amica PROPAGANDA!

Continua a leggere…

Greta, Vanessa, Daniele e le Brioches di Maria Antonietta

neeero

2014-07-31. Siria – Aleppo –

C’é una casa ad Abzimu, una piccola località ad ovest di Aleppo verso Idlib. E’ la casa del capo del consiglio rivoluzionario locale. Questa casa é il luogo di riferimento di tre italiani giunti ad Aleppo da poche ore: Daniele Raineri, un giornalista de Il Foglio, Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, due cooperanti volontarie fondatrici del progetto Horryaty.

Continua a leggere…